L’aria che tira

11 Stati membri hanno attraversato le relative fasi elettorali, ognuna delle quali è stata caratterizzata da una miscela esplosiva di sovranismo in grado di mettere a rischio la tenuta politica del blocco europeo.

Continua a leggere

En Marche !… avec calme

L’impatto di Emmanuel Macron sulla politica francese non si è fermato alla vittoria delle presidenziali di maggio. Il nuovo partito En Marche !, infatti, si è aggiudicato un’ampia maggioranza in Parlamento, iniettando nuova linfa all’Europa dopo il timore della destabilizzazione che avrebbe indotto Marine Le Pen. In ogni caso, questa vittoria è sufficiente per portare un vero rinnovamento continentale che possa porre un freno ai movimenti antieuropeisti?

Continua a leggere

Europeismo e populismo: un’analisi sociologica

C’è un punto che accomuna le ultime tornate elettorali in Europa e negli Stati Uniti. Se guardiamo ai dati delle elezioni presidenziali che hanno visto la vittoria di Trump, al referendum sulla Brexit, alle presidenziali francesi e persino al referendum costituzionale del 4 dicembre, c’è un aspetto che balza agli occhi e che ci pone di fronte a degli interrogativi e a una necessità di riflessione.

Continua a leggere

AND THE WINNER IS…?

Il risultato delle elezioni nel Regno Unito rappresenta un duro colpo per Theresa May, partita sull’onda di un netto vantaggio nei sondaggi e infine costretta a cercare sostegno esterno per ottenere la maggioranza assoluta. Questo smacco rappresenterà una battuta di arresto per la hard Brexit propugnata dalla premier, oppure il sostegno degli anti-europeisti intransigenti assumerà un peso ancora più rilevante data la fragilità del nuovo governo?

Continua a leggere

Macron: presentazione del primo libro

Ogni tanto in Francia, la rivoluzione la si fa per davvero Menzionare la parola rivoluzione in Francia ha un certo peso e racchiude in sé un’insieme di significati che la storia ci tramanda. I francesi, per definizione, si sono sempre fatti sentire. Ma oggi, cosa significa la parola rivoluzione per i francesi? Vuol dire scendere nelle…

Continua a leggere

Milano capitale dell’orgoglio europeo

Bussolati: “Per contrastare i populismi serve più Europa” Il 25 marzo 2017 i leader dei 27 Stati dell’EU, a 60 anni dalla firma dei trattati di Roma, hanno sottoscritto una dichiarazione per il rilancio del Progetto originario di Europa. La Dichiarazione di Roma non era affatto scontata, in un momento di crisi post Brexit e…

Continua a leggere