N° 4 – Green Europe

CLICCA QUI PER SCARICARE L’EDIZIONE DI LUGLIO 2017

1 Copertina“Un livello elevato di tutela dell’ambiente e il miglioramento della sua qualità devono essere integrati nelle politiche dell’Unione e garantiti conformemente al principio dello sviluppo sostenibile”, così recita l’art. 37 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea.

Tutela come conservazione e rispetto ma soprattutto capacità di valorizzare e reinventare l’ambiente: i giovani sono affascinati dalle opportunità lavorative derivanti dai nuovi modelli ecocompatibili e sostenibili (green jobs). Un’indagine condotta tra 10.294 giovani nei 28 Stati membri europei nel 2016 e pubblicata dal Parlamento europeo, alla vigilia dell’Evento Europeo per i Giovani (EYE2016), evidenzia come un numero consistente di giovani europei abbia adottato prassi quotidiane legate alla tutela dell’ambiente e la lotta al cambiamento climatico.

Giovani, Europa e ambiente, questi sono i temi che caratterizzano la nostra quarta edizione: “Green Europe”. Questa volata il numero si arricchisce del contributo importante di due gruppi di giovani: European Generation, un’associazione studentesca fondata nel 2013 (Università Bocconi) che si occupa di Europa e pensiero politico europeo; GreenMi, tavolo tematico di Idee in Circolo che, da 4 mesi, si occupa di inquinamento e mobilità a Milano.

Per la tutela dell’ambiente e della salute umana, bisogna unire le forze e condividere idee e proposte concrete per migliorare la qualità della nostra vita e di quella delle prossime generazioni. La protezione dell’ambiente, tuttavia, non passa solo dalle buone pratiche e da efficaci politiche di riduzione dell’impatto dell’uomo sul pianeta, ma è anche lotta alle ecomafie e ai crimini ambientali. Un giro di business  sempre più ampio e variegato (dall’inquinamento del suolo allo smaltimento illegale dei rifiuti, dagli incendi dolosi al commercio illegale dei rifiuti tossici) che vede Italia ed Unione europea coinvolti in prima linea.

Tutti sono e devono essere in prima linea. Noi ci siamo, facciamo la nostra parte: studiamo, scriviamo e informiamo. Ora sta a te, informati e cerca di essere più green! 

, te capì?!