N° 3 – Europride

CLICCA QUI PER SCARICARE L’EDIZIONE DI GIUGNO 2017

ImmagineLa notte del 27 giugno 1969 a Stonewall per la prima volta la comunità LGBT si unì per reagire ai continui soprusi della polizia e di una società che vedeva gli omosessuali come persone malate, una società incapace di accettare le diversità.

I moti di Stonewall restituiranno alla comunità LGBT la Libertà: libertà di uscire allo scoperto, di rivendicare con orgoglio la propria identità, di opporsi a qualsiasi tipo di discriminazione. “We are everywhere” è lo slogan dei manifestanti durante la notte dei moti. Con Stonewall nasce il movimento di liberazione gay moderno. Nonostante gli enormi passi in avanti fatti fino ad oggi, i moti di Stonewall e la loro portata liberatoria riecheggiano nel Pride, per ricordare che, chiunque tu sia, etero, gay, lesbica, bisessuale, transessuale, intersessuale, qualunque persona tu ami, hai dei diritti per cui vale la pena combattere e, grazie a chi ha lottato prima di te, oggi puoi fieramente gridare al mondo che sei quello che sei e nessuno può portartelo via.

Sull’onda europea, in Italia siamo riusciti finalmente a fare un primo passo verso il riconoscimento dell’amore tra coppie LGBT. Con l’entrata in vigore della legge Cirinnà, infatti, tutti possono unirsi civilmente. Tuttavia in questo stesso testo, a causa di compromessi tra forze politiche, sono presenti delle ambiguità che rendono la legge molto meno nobile di quanto avrebbe potuto essere. C’è ancora molta strada da fare: adozioni, matrimonio egualitario, una legge contro l’omofobia.

Il 24 giugno si celebra il Milano Pride. Il tema di quest’anno è “Diritti senza confini”. Nel campo dei diritti LGBT il tema dei confini è incredibilmente trasversale: si va dai confini territoriali a quelli mentali (imposti dalla famiglia), dai confini ideologici ai confini politici. Il Pride è un luogo per riportare nel dibattito pubblico la questione dei diritti e delle discriminazioni. Ed è un luogo in cui si può essere ciò che si vuole, senza il timore del giudizio della società, perché siamo ciò che siamo, e siamo tantissimi.

We are Everywhere!