Giornata Mondiale dell’Acqua

L’Unione Europea ribadisce il suo impegno per la gestione sostenibile delle risorse idriche


L’acqua costituisce uno di quei temi che devono essere sempre discussi, in quanto risorsa di vita. È essenziale per la salute dell’uomo, per l’ambiente ed è una preziosa fonte per molti settori, dall’industriale al turistico. Nessuno dovrebbe essere privato dell’accesso all’acqua pulita e potabile, in quanto bene prezioso e fondamentale per l’umanità.

Il 22 marzo 2017 si è celebrata la Giornata Mondiale dell’Acqua. La celebrazione di questa giornata deve renderci consapevoli del ruolo che assume l’acqua per la vita dell’uomo, per la stabilità globale e per i cambiamenti climatici.

wwd-generiq-cmjn_en_2017-01_0

Gli sforzi dell’Unione Europea si propongono di promuovere cooperazione nel settore idrico transfrontaliero in tutto il mondo. Grazie a opportuni interventi normativi, a miliardi di euro di investimenti e agli sforzi di milioni di persone che hanno lavorato insieme nel corso degli ultimi decenni, i cittadini dell’UE possono beneficiare di acqua potabile e di acque di balneazione pulite.

16326581851_3f601bf28a_bL’Alto Rappresentante dell’Unione Europea Federica Mogherini ha ribadito “l’impegno dell’UE, nel quadro dell’Agenda 2030, a garantire l’accesso e la gestione sostenibile dell’acqua e dei servizi igienico-sanitari per tutti, in particolare per i gruppi più vulnerabili. Il nostro impegno a non lasciare indietro nessuno implica che nessuno dovrebbe essere privato dell’accesso all’acqua pulita. Dal 2007 l’Unione Europea ha erogato oltre 2,2 miliardi di euro per progetti idrici e igienico-sanitari in più di 62 paesi nel mondo. L’UE è determinata a continuare a sostenere le persone colpite da catastrofi naturali o provocate dall’uomo, fornendo un accesso salvavita all’acqua potabile e pulita.”

La Giornata Mondiale dell’Acqua è stata ideata e indetta per la prima volta nel 1993 dalle Nazioni Unite a seguito della prima conferenza mondiale (il Summit della Terra) tenutosi a Rio de Janeiro dal 3 al 14 giugno 1992. La conferenza di Rio ha prodotto importanti documenti riguardanti la tutela del territorio e dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile globale. Uno di questi documenti è l’Agenda 21, un ampio e articolato “programma d’azione” a livello mondiale focalizzato proprio sullo sviluppo sostenibile del nostro pianeta. La cifra 21, che fa da attributo alla parola Agenda, si riferisce al XXI secolo, in quanto temi prioritari di questo programma sono le emergenze climatico-ambientali e socio-economiche che l’inizio del terzo Millennio pone inderogabilmente dinnanzi all’intera umanità.